Il convegno, a cura della Sezione di Cefalù, interamente dedicato al goal tre  degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’agenda ONU 2030, “ Assicurare la salute ed il benessere per tutti e per tutte le età” , nell’ambito della trattazione del Tema Internazionale Fidapa BPW Italy “ Empowering Women to realize sustainable development goals” “ Dare potere alle donne per realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile”, ha avuto lo scopo di sensibilizzare il numeroso pubblico presente alla promozione della salute ed alla tutela del benessere psicofisico negli anziani, favorendo l’adozione di stili di vita attivi e responsabili.

Dopo i saluti della Presidente, Patrizia Messina, ha preso la parola la dirigente scolastica Giuseppina Seidita che, facendo parte del board della BPW International, ha evidenziato l’importanza che, sia a livello mondiale che locale, assumono gli obiettivi di sviluppo sostenibile e si è complimentata con  la sezione per la pregevole iniziativa.

Presentata dalla Past Presidente di Sezione, Angela Madonia, ha brillantemente relazionato sul tema “Invecchiamento di successo”, la dott. Francesca Rubino, specialista in geriatria e gerontologia.

Poiché il nostro Paese è tra quelli maggiormente toccati dalla questione dell’invecchiamento della popolazione, siamo i secondi nel mondo, dopo il Giappone, per longevità della popolazione ed i primi in Europa (nel 2017 il 35% degli Italiani ha più di sessantacinque anni, cinque punti percentuali in più rispetto alla media europea), l’obiettivo tre riveste una grande importanza specialmente per quei target che riguardano la  prevenzione e la cura delle malattie croniche, la copertura sanitaria e il miglioramento della situazione dell’accesso ai servizi.

La tutela del  proprio benessere è l’ambito dove risulta più evidente il protagonismo degli anziani  al fine di  garantirsi uno stato di salute che prolunghi la vita attiva ed allontani la preoccupazione di contrarre  malattie considerate  comuni per la loro fascia d’età. L’anziano, quindi, deve rimodulare le  proprie abitudini quotidiane  dedicando tempo alle attività sportive, alle passeggiate all’aria aperta, all’utilizzo di prodotti per l’alimentazione biologici e a chilometro zero.

Mentre, nel mondo, si muore di povertà (oltre 3 milioni di bambini muoiono prima dei 5 anni per malnutrizione),  in occidente e nei paesi industrializzati ci si ammala  per errati stili di vita.

Nel contesto italiano  i problemi più significativi per la salute sono da attribuire alle malattie non trasmissibili,  prime tra tutte quelle cardiovascolari, il cancro, il diabete, e i disturbi respiratori cronici che  rappresentano oggi il principale pericolo. Il consumo di alcol, di tabacco e gli abusi di sostanze, e  i rischi di morte derivanti da incidenti stradali e inquinamento, completano il quadro delle problematiche sanitarie più importanti.

Ha concluso l’incontro l’intervento della Past Presidente Fidapa Distretto Sicilia, Rosa Maria La Scola, che ha presentato, con dovizia di particolari, tutti i diciassette obiettivi di sviluppo sostenibile.

I relatori, alla fine della manifestazione, hanno ricevuto i complimenti degli intervenuti  per la rilevanza e la novità degli argomenti trattati.