Giovedì 22 novembre, presso la Biblioteca comunale di S. Agata Li Battiati, in prossimità della celebrazione della Giornata contro la violenza sulle donne, la nostra Sezione ha voluto dedicare un incontro al tema “La Carta della Bambina: diritti e strumenti di tutela”. Relatori: Avv. Maria Concetta Tringali del Centro Antiviolenza Galatea e la Dott.ssa Concetta Pollicino, Psicologa.

Presenti tra le autorità la Dott.ssa Facciolà, Dirigente dei Servizi Sociali del Comune di S. Agata Li Battiati, il Sindaco Dr. Marco Rubino, la Tesoriere Distrettuale Letizia Bonanno. Ha partecipato altresì, in rappresentanza dell’Arma dei Carabinieri di Gravina, il Maresciallo Paolo Raciti.

Moderatrice dell’incontro la nostra Presidente Silvana Massa.

La conferenza è iniziata con i saluti del Sindaco di Battiati Dr. Rubino che ha dato comunicazione della delibera del Consiglio Comunale del 22/11/2018 di adozione della NUOVA CARTA DEI DIRITTI DELLA BAMBINA richiesta dalla nostra Sezione tramite la presentazione della consigliera comunale Angela Longhitano, nostra socia. Il Sindaco ha anche espresso l’impegno del Comune a favorire la diffusione di tale documento nelle scuole, tra i giovani e le Associazioni.

La vicepresidente Luana Chiarenza, referente per il tema, dà quindi lettura di alcuni degli articoli della Carta dei diritti della Bambina, documento redatto nel 1995 dalla BPW Europa dopo la Conferenza mondiale tenutasi a Pechino in cui si denunciava la condizione drammatica delle donne vittime di violenza.

L’intervento dell’Avv. Maria Concetta Tringali, volontaria presso il Centro Antiviolenza Galatea, è servito a dare grande concretezza al tema grazie al patrimonio di esperienze acquisite sul campo evidenziando gli interventi giuridici messi in atto dalla stessa a sostegno delle donne e dei minori vittime di violenza.

La psicologa Dott.ssa Concetta Pollicino ha riferito il quotidiano impegno da lei profuso nell’assistenza e nel sostegno psicologico a favore delle vittime di violenza, compresi i minori, per il superamento dei profondi traumi subiti.

Il Maresciallo Raciti ha esposto le linee d’intervento seguite dai Carabinieri per prevenire e combattere con prontezza ed efficacia i gravi episodi di violenza.

Gli interventi seguiti alle relazioni hanno messo in evidenza la necessità che l’azione delle  Associazioni sia quanto più incisiva, rapida e correlata ai vari Enti a ciò deputati. E’ auspicabile inoltre che la narrazione dei vari episodi di violenza sia espressa dai mezzi di informazione in maniera corretta e rispettosa della sensibilità dei lettori al fine di evitare distorte interpretazioni e valutazioni dei fatti narrati e fenomeni di emulazione. E’ inoltre indispensabile un’incisiva azione di educazione alla parità e al rispetto dell’individualità dei generi da promuovere nelle nuove generazioni a partire dall’istruzione primaria.